Strade, piazze, crocicchi..

f1eec3eadda7180a8784f83ea4080357_medium.jpg

Sarebbe tutto più semplice se non ti avessero inculcato questa storia del finire da qualche parte, se solo ti avessero insegnato, piuttosto, a essere felice rimanendo immobile.
Tutte quelle storie sulla tua strada.

Trovare la tua strada.
Andare per la tua strada.
Magari invece siamo fatti per vivere in una piazza, o in un giardino pubblico, fermi lì, a far passare la vita, magari siamo un crocicchio, il mondo ha bisogno che stiamo fermi, sarebbe un disastro se solo ce ne andassimo, a un certo punto, per la nostra strada, quale strada?
Sono gli altri le strade, io sono una piazza, non porto in nessun posto, io sono un posto.
Alessandro Baricco
Strade, piazze, crocicchi..ultima modifica: 2011-04-18T11:35:45+00:00da layura
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Strade, piazze, crocicchi..

  1. E questo porta a certa immobilità
    non fatalistica e passiva
    ma concettualmente sobria di sé
    nell’esaustività delle convinzioni
    sull’essere parte integrante del mondo
    concorrendo a stabilirne il progresso
    nell’evoluzione dei concetti
    e nell’acquisizione delle idee

    buona serata

    ………….Uomo

    .

Lascia un commento